MENU

Gipsoteca

 

Il Museo conserva una delle collezioni più singolari del panorama museale italiano, in dialogo con l’arte contemporanea: si tratta di circa 600 maschere facciali in gesso bianco dipinto, prese sul vivente. Il primo nucleo fu acquistato dall’etnologo tedesco Otto Finsch nel 1885, oggi testimonianza della ricerca antropologica tra Ottocento e Novecento – quando lo studio della variabilità umana era basata essenzialmente su dati morfologici e morfometrici.

Non solo maschere facciali, tuttavia, ma anche calchi di crani, mani, piedi, reperti che aprono le porte alla curiosità; sono nella gipsoteca i calchi dei crani di 23 componenti della famiglia Medici di Firenze.

Leggi di più sulla Gipsoteca
Moggi, J., Le collezioni antropologiche (estratto), in: Moggi, J., Stanyon, R. (a cura di), 2014, "Il Museo di Storia Naturale dell’Università degli Studi di Firenze : Le collezioni antropologiche ed etnologiche", Firenze University Press (pp. 192-193)

 

Ultimo aggiornamento

02.09.2021

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni