MENU

Antropologia e Etnologia

 

Gli oltre 25.000 manufatti delle collezioni etnografiche sono la componente più spettacolare del patrimonio scientifico del Museo di Antropologia e Etnologia: oggetti d'ogni tipo prodotti dall’uomo in epoche diverse - fin dalle civiltà umane preistoriche (collezioni paletnologiche), e da ogni parte del Mondo (America, Africa, Asia, Oceania).

Sono preziose anche le collezioni antropologiche, dove l’uomo è protagonista direttamente e non attraverso i prodotti del suo ingegno: soprattutto resti scheletrici dell’Homo sapiens, in dialogo scientifico con i resti di Primati (collezioni primatologiche), ma anche esemplari diversi come i modelli di gesso (gipsoteca), i reperti di mummie e campioni di capelli. Da scoprire anche la curiosa collezione faunistica di ossa di vertebrati e gli strumenti scientifici in gran parte di proprietà di Paolo Mantegazza, antropologo e fondatore del Museo.

Il Museo ospita inoltre collezioni fotografiche uniche nel loro genere: ritratti antropologici, immagini diverse scattate durante i viaggi d’esplorazione e studi fotografici della mimica facciale. Accanto, è custodito l'archivio cartaceo che conserva la corrispondenza di Paolo Mantegazza e dei personaggi che gli succedettero.

Per le quantità e qualità dei beni culturali che conserva, il Museo di Antropologia e Etnologia di Firenze è uno dei più importanti al mondo nel suo genere.

 

Referenti delle collezioni: Francesca Bigoni, Giulia Dionisio, Fabio Di Vincenzo, Maria Gloria Roselli, Monica Zavattaro

 

Orari e modalità di visita del Museo di Antropologia e Etnologia

Ultimo aggiornamento

20.12.2021

Cookie

I cookie di questo sito servono al suo corretto funzionamento e non raccolgono alcuna tua informazione personale. Se navighi su di esso accetti la loro presenza.  Maggiori informazioni